Famiglie di uccelli

Uccelli della Russia nordoccidentale

Pin
Send
Share
Send
Send


Merlino È un rapace, il falco più grande del mondo. Il cosiddetto "spettrale" merlino, soprannominato per il suo specifico colore "fumoso", è uno dei più violenti uccelli rapaci nelle alte latitudini dell'Artico. Durante la caccia, insegue la preda in volo o cade dal cielo come una pietra a velocità mozzafiato per colpire la preda
per terra. Razze su scogliere remote negli angoli più remoti del Canada e dell'Alaska. I girfalchi in Nord America sono protetti dalla maggior parte delle minacce rappresentate dall'uomo e dal riscaldamento climatico. Sono rari ospiti invernali negli stati settentrionali d'America.

Falco rusticolis
Ordine: Falconiformes.
Famiglia: Falcon (Falconiformes).
Genere: Falcons.
Visualizza: Merlino.
Nomi in altre lingue: Gyrfalcon (inglese), Faucon gerfaut (francese), Gerfalke (tedesco), Halcoun Gerifalte (spagnolo),
Nome "Merlino"probabilmente derivato dal nordico antico, ma i linguisti non sono completamente d'accordo con questa affermazione.

Uccelli predatori. Merlino

Il girfalco maschio raggiunge dimensioni 48-61 cm, le femmine circa 51-64 cm,
Peso dei maschi 800-1.325 g, femmine 1.000-2.100 g,
I maschi adulti sono molto più piccoli delle femmine: i maschi pesano in media meno di 1,5 kg, mentre le femmine pesano in media circa 2 kg. Sia i maschi che le femmine tendono a cambiare colore frequentemente, dal bianco quasi puro al grigio-marrone scuro.
Il più vecchio merlino che ha incontrato per caso un uomo, un maschio, di almeno 14 anni in Wisconsin nel 2015.

Uccelli predatori. Merlino

Anche se il colore classico girfalco È bianco con macchie nere, ci sono individui con sfumature di bianco, grigio e marrone scuro. In Nord America, gli uccelli di colore grigio sono più comuni degli altri due. Gli uccelli adulti sono più increspati sul dorso, sulle ali e sulla coda. Le zampe e le zampe degli uccelli adulti sono di colore giallo, mentre i giovani sono di colore grigio chiaro. Il bianco predomina negli uccelli che vivono alle latitudini superiori dell'Artico, più scuro negli uccelli del Labrador. Gli uccelli in Islanda sono prevalentemente di colore grigio. Girfalco anche i colori bianco e grigio sono equamente distribuiti da ovest a est in tutta la Russia e in particolare in Siberia.

Uccelli predatori. Girfalco in volo

L'habitat del girfalco è principalmente la tundra artica. Quando volano verso sud durante l'inverno, cercano luoghi come campi aperti, coste, dune, praterie e steppe cespugliose.
Inoltre, l'habitat naturale per i rapaci come il girfalco sono gli altopiani, le colline e le montagne della tundra artica e alpina nel Canada settentrionale e in Alaska, in aree con abbondanti popolazioni di pernici o vicino a colonie di nidificazione o uccelli acquatici, coste rocciose, isole marine, aride terre rocciose, scogliere fluviali, scogliere sulle rive di laghi e terreni montuosi fino a 1.500 km. La vegetazione nell'habitat di questi rapaci è per lo più sottodimensionata. Questi sono vari tipi di carice, cotone, licheni, muschi, salici e betulle. Ma a volte rischiano di cacciare in piccole foreste e foreste di abeti rossi lungo le spiagge o le dune. In inverno girfalco lascia le latitudini e le altezze più elevate e può viaggiare relativamente lontano a sud, come il nord degli Stati Uniti. Lì, di solito si trovano in aree aperte al di sotto dei 900 km sul livello del mare e ad altitudini con una grande abbondanza di uccelli per la caccia, comprese le coste, i bacini artificiali, i campi, i prati, i cespugli e le valli fluviali.

Girfalco cibo e caccia:

Caccia girfalco principalmente in aree aperte, a volte volando alto e attaccando dall'alto, ma più spesso
muoviti velocemente e in basso, premendo a terra. Spesso si siedono per terra.

Uccelli predatori. Girfalco durante la caccia

Le principali prede del girfalco sono specie di pernici come la bianca e la tundra, ma questi rapaci predano anche altri uccelli, tra cui uccelli marini, uccelli acquatici, trampolieri e persino uccelli canori. Come sapete, a loro non dispiace cacciare, se possibile, per uccelli come il fagiano di monte, i guardiacaccia, i gabbiani, le sterne, i fulmini, le alche, i fagiani, i corvi, le gazze, i ballerini di tip tap, gli zigolii e i platani della Lapponia. Anche tali rapaci come falchi, gufi e persino i loro compagni falchi a volte diventano preda di girfalchi. Possono anche cacciare piccoli animali come lepri, scoiattoli di terra, lemming e giovani volpi artiche. Girfalco cacciare le loro prede da posizioni molto alte, seduti sugli scogli o direttamente nel cielo.

Girfalco con preda

Attacchi merlino sul bersaglio con un forte colpo dall'alto, facendolo cadere a terra e trascinandolo ulteriormente lungo il terreno, e non afferrandolo in aria, uccide la vittima sfondando il petto. Merlino può volare basso e avvicinarsi di soppiatto alle vittime per guidare la preda su lunghe distanze per guidarla, o librarsi sopra di essa, molestando tuffi ingannevoli.
Durante la stagione riproduttiva, i girfalconi femmine spesso nascondono i resti di cibo che i pulcini non possono mangiare contemporaneamente, nella vegetazione vicino al nido, in modo che in seguito non ci si possa preoccupare di cercare cibo per sé o per i propri pulcini. Si sa poco del foraggiamento al di fuori della stagione riproduttiva. In un certo numero di casi, è stato possibile catturare un girfalco che macellava una pernice congelata in pieno inverno sulle isole Aleutine. Durante la stagione riproduttiva, la famiglia del girfalco ha bisogno di circa 1-1,5 kg di cibo al giorno. Si tratta di circa 2-3 pernici al giorno, che equivalgono a circa 150-200 pernici mangiate tra la toelettatura post-natale e il pre-involo.

Merlino

Sin dai tempi antichi, il girfalco è uno degli uccelli da caccia più famosi e costosi. I girfalconi bianchi sono particolarmente apprezzati. Questi falchi sono così costosi che anche i ricchi sceicchi dei paesi del Golfo li tengono solo come uccelli prestigiosi e molto raramente cacciano con loro, preferendo lasciare che gli astori oi falchi saker più economici ed economici vadano a preda.

Girfalco è stato menzionato già nel XII secolo nel famoso "Lay of Igor's Host".

Dove vive

Questo falco abita le regioni artiche e subartiche dell'emisfero settentrionale. Il girfalco vive alle alte latitudini dell'Eurasia e del Nord America: sulle coste artiche, nella tundra e nella foresta-tundra fino ai confini settentrionali della taiga. Durante il periodo di non nidificazione, il girfalco sulle migrazioni avviene sia all'interno dell'area di nidificazione che più a sud - fino alla zona della steppa. I principali tipi di habitat del girfalco sono le coste rocciose e marine, le valli di fiumi e laghi con scogliere, foreste di cintura o insulare, tundra di montagna.

Segni esterni

Il girfalco è il falco più grande del nostro paese (l'apertura alare arriva fino a 1,6 m). Il colore di questi uccelli varia da quasi bianco a più scuro con una parte superiore grigio-brunastra e una parte inferiore biancastra striata. Le femmine sono più grandi e solitamente più scure dei maschi. La dimensione degli uccelli da ovest a est del paese sta gradualmente aumentando e il colore del piumaggio si illumina. I giovani uccelli sono marroni, inoltre, i giovani uccelli differiscono da quelli vecchi per il colore delle loro zampe: nei girfalchi adulti sono gialli, in quelli giovani - grigi.

Girfalco in volo

Stile di vita

La voce del girfalco è grida ruvide e rauche di "diamine" o "keek-keek-keek".

Per la nidificazione, il girfalco sceglie scogliere e rocce del fiume. Occupa i vecchi nidi dell'aquila dalla coda bianca, dell'aquila reale, della poiana, del corvo imperiale e si insedia su torri geodetiche.

I nidi del girfalco sono costruiti su scogliere rocciose o su sporgenze sotto cornici strapiombanti che proteggono dalle intemperie primaverili, in prossimità di spazi aperti ricchi di cibo.

Se volpi polari o cani si avvicinano al nido, il girfalco si tuffa su di loro, agendo in modo così deciso che i predatori si ritirano. Questi grandi falchi scacciano anche le renne apparse accidentalmente nel nido.

Le principali prede del girfalco nella tundra sono le pernici bianche e della tundra, che i predatori cacciano durante tutto l'anno (una coppia di girfalchi può sterminare fino a 150 pezzi a stagione). Spesso i girfalchi catturano anatre, gabbiani, urie, urie, trampolieri, zigoli delle nevi e altri uccelli, meno spesso si nutrono di mammiferi: lemming, arvicole, ermellini e lepri.

Riproduzione

La nidificazione inizia presto - in aprile - maggio, quando c'è ancora neve nella tundra. Nella covata di questo uccello ci sono 2-5 uova di colore bianco sporco con macchie rosso mattone. La femmina incuba la covata per 28-29 giorni. Il maschio non partecipa all'incubazione della nidiata; in questo momento caccia e porta la preda alla femmina.

Nei primi giorni dopo la schiusa, la femmina è costantemente nel nido con i pulcini e il maschio porta il cibo a lei e alla covata. Quando i pulcini crescono, entrambi i genitori iniziano a volare fuori per cacciare. I giovani girfalchi acquisiscono la capacità di volare all'età di 7 settimane.

Nel Libro rosso della Russia

Il numero totale delle specie nel nostro paese è di circa 1000 coppie, la popolazione più numerosa (circa 200 coppie) vive in Kamchatka.

Il diffuso declino del numero di Girfalco è associato alla distruzione dei nidi, alla cattura incontrollata e al ritiro dei pulcini per la falconeria. Con lo sviluppo del Nord diventa sempre più importante il disturbo dei girfalchi nelle aree di nidificazione. Inoltre, anche i girfalchi cadono sotto i colpi dei bracconieri e muoiono nelle trappole.

Falconeria

Fin dal Medioevo, il girfalco è stato utilizzato attivamente nella falconeria ed era molto apprezzato come uccelli da caccia. In tutta onestà, va notato che la falconeria non è mai stata un mestiere. Piuttosto, una sorta di rituale insieme a balli e ricevimenti. Il Girfalco era un uccello particolarmente alla moda, una curiosità che il suo proprietario poteva vantare e distinguersi dagli altri. Nella graduatoria della scuola di caccia europea, il girfalco bianco ha sempre occupato il primo posto.

Krechetov è stato presentato come un dono, cercando di raggiungere un accordo nelle relazioni diplomatiche. E alla corte reale in Russia c'era persino una posizione speciale di falconiere. Il luogo in cui venivano conservati i girfalchi era chiamato krechatni.

Oggi le tradizioni della falconeria stanno rinascendo, ma in una nuova forma. Ha un carattere atletico e amatoriale. Molti credono che la falconeria moderna possa aiutare a preservare la naturale diversità dei rapaci e ravvivare il vero senso di unità con la natura nell'anima russa. Dopotutto, cos'altro puoi sentire, tenendo in mano un forte e saggio amico alato!

Classificazione

Regno: animali (Animalia).
Un tipo: accordi (Chordata).
Classe: uccelli (Aves).
Distacco: falconiformes (Falconiformes).
Famiglia: falco (Falconidae).
Genere: falco (Falco).
Visualizza: girfalco (Falco rusticolus).

14.02.2020

Gyrfalcon (lat. Falco rusticolus) appartiene alla famiglia dei Falconidi dell'ordine dei Falconiformes. In volo orizzontale supera in velocità il falco pellegrino (Falco peregrinus) ed è in grado di tuffarsi sulla preda quasi verticalmente da una grande altezza.

Il girfalco era molto apprezzato dagli amanti della falconeria circa 4mila anni fa. Nel Medioevo, gli uccelli di colore bianco erano considerati i più preziosi.

Erano molto costosi e servivano come elemento importante delle relazioni diplomatiche. Nel 1396, Jean II Fearless, Count de Nevers, dopo essere stato sconfitto in una battaglia con l'esercito ottomano vicino alla città bulgara di Nikopol, fu fatto prigioniero. Gli ottomani si rifiutarono di liberarlo e ricevettero un riscatto per lui per un importo di 200mila ducati, pari a circa 700 kg d'oro.

Il valoroso cavaliere ottenne la libertà solo grazie al sacrificio inaudito di Sigismondo I di Lussemburgo, l'imperatore del Sacro Romano Impero. Il monarca ha donato una dozzina di girfalchi bianchi per liberare l'eroe, provocando sincero stupore tra i suoi sudditi con la sua generosità. Per i normali uccelli grigi, poi in Medio Oriente davano più di 1000 dinari (4,5 kg d'oro), i bianchi non avevano prezzo.

Nell'impero russo, gli uccelli preziosi erano ufficialmente considerati proprietà dello zar e i loro cacciatori godevano di privilegi speciali. In Danimarca, il girfalco era un elemento importante per il rifornimento del tesoro statale. Sono stati catturati in Islanda e poi venduti a tutti i paesi europei o usati come regali diplomatici. Dal 1731 al 1793, i danesi catturarono circa 5.000 predatori in Islanda.

Diffusione

L'habitat occupa la maggior parte del Paleartico. Copre principalmente le regioni polari e artiche dell'Europa, dell'Asia e del Nord America, situate nella tundra e vicino al confine delle foreste.

La maggior parte delle popolazioni vive a nord della latitudine 60 ° N. A sud sono molto meno comuni.

In Eurasia, i principali luoghi di riproduzione sono in Islanda, Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia. In Nord America, i girfalchi nidificano in Alaska e in Canada. Una popolazione relativamente numerosa è sopravvissuta in Groenlandia.

Ci sono 6 sottospecie. La sottospecie nominativa vive in Lapponia, nel nord della Scandinavia e in Russia. Il numero totale è stimato in 50-60 mila coppie riproduttive.

Comportamento

Al di fuori della stagione riproduttiva, i girfalchi conducono uno stile di vita solitario. Nella maggior parte del loro areale, sono uccelli sedentari. In Scandinavia migrano principalmente uccelli giovani, mentre gli adulti rimangono sul loro territorio tutto l'anno. Durante l'inverno, si osservano giovani in Danimarca, Irlanda e Inghilterra.

Le popolazioni che vivono nella zona della tundra in Russia migrano nella taiga per lo svernamento, volando verso sud per 1000-2000 km. I girfalchi, che nidificano nella Groenlandia orientale, migrano in Islanda a settembre e tornano ai loro nidi ad aprile. Il resto degli uccelli sverna sulla costa meridionale dell'isola.

I girfalchi possono cacciare da grandi altezze, ma più spesso inseguono la loro preda in volo orizzontale molto basso dal suolo.

I predatori sviluppano un'alta velocità e al volo determinano la posizione esatta della loro potenziale preda con l'aiuto di occhi acuti.

I principali nemici naturali sono le volpi polari (Vulpes lagopus), i ghiottoni (Gulo gulo), i corsari americani (Vulpes velox) e le civette vergini (Bubo virginius). Le loro vittime sono principalmente individui giovani e malati. Per gli uccelli adulti, solo le aquile reali (Aquila chrysaetos) sono pericolose.

Cibo

La dieta consiste principalmente in uccelli volanti di media taglia e piccoli mammiferi. I girfalchi predano attivamente la starna (Perdix perdix), i galli cedroni (Lyrurus tetrix), le pernici (Lagopus lagopus) e le anatre (Anatinae).

La lepre bianca artica (Lepus arcticus), lo scoiattolo terrestre (Spermophilus) e il lemming (Lemmini) diventano spesso le loro prede.

Il girfalco mangia circa 200 g di mangime al giorno.

Vola verso la sua vittima dall'alto, piega le ali e in autunno lo afferra con artigli affilati. Il predatore la finisce con un colpo di un potente becco al collo o alla nuca. Porta il suo trofeo di caccia in un luogo sicuro e lì lo mangia lentamente. Le ossa, le piume e la pelliccia non digerite vengono rigurgitate in pellet.

In mancanza di cibo, il girfalco non disdegna le carogne.

Descrizione

Lunghezza del corpo 48-61 cm Peso 950-2150 g L'apertura alare è di 105-131 cm I maschi sono molto più piccoli e più leggeri delle femmine. Il girfalco è il membro più grande del genere Falco.

Il colore del piumaggio è estremamente variabile e va dal biancastro e grigiastro al marrone scuro e quasi nero. I morph scuri sono comuni in Canada e nell'Asia orientale, mentre i bianchi sono comuni in Groenlandia.

Le femmine hanno un colore leggermente più contrastante. I giovani uccelli sono di colore più scuro degli adulti. La parte inferiore del corpo è variegata.

Si nota un anello giallastro intorno agli occhi. La cera è di colore grigio giallastro. Il becco è grigiastro. Le gambe e i piedi sono giallastri.

A riposo le ali non raggiungono la punta della coda; durante il volo assumono una forma affusolata. Il collo e la coda sono corti.

La durata della vita di un girfalco in natura è di 15-20 anni.

Menu principale

  • Pagina iniziale
  • Loons
  • Svasso
  • Pellicano
  • Cicogna
  • Fenicotteri
  • Anseriformes
  • Falconiformes
    • Falco pescatore
    • Mangiatore di vespe comune
    • Aquilone nero
    • Albanella reale
    • Falco delle steppe
    • Albanella reale
    • Falco di palude
    • Astore
    • Sparviero
    • Poiana
    • Poiana
    • Serpentina
    • Grande aquila maculata
    • Aquila maculata minore
    • Aquila reale
    • Aquila dalla coda bianca
    • Merlino
    • Falco pellegrino
    • Passatempo
    • Derbnik
    • Kobchik
    • Gheppio comune
  • Polli
  • Simile a una gru
  • Charadriiformes
  • Come una colomba
  • Cuculo
  • Gufi
  • Simile a una capra
  • Swift
  • Crostacei
  • Upupa
  • Picchi
  • Passerine

Pin
Send
Share
Send
Send